Per redigere una Fattura non esiste una rigida schematica obbligatoria per il Professionista.

Ci sono infatti alcuni dettagli essenziali che essa deve avere che possiamo riassumere in due parti: una parte descrittiva ed una parte tabellare.

La prima parte della Fattura Elettronica è quella descrittiva, la cui compilazione è fondamentale per la corretta validità del documento.

La parte descrittiva deve contenere:

  • I dati identificativi del prestatore: indirizzo, partita IVA, nome, cognome, ditta, ecc…;

  • I dati identificativi del committente: il numero di partita IVA del committente;

  • Il numero progressivo, la data di emissione, e le condizioni generali della prestazione professionale: durata, modalità di pagamento, ecc…

La parte tabellare deve invece contenere:

  • I dati identificativi della prestazione professionale offerta: quantità e descrizione;

  • Il valore della prestazione professionale, unitaria e complessiva, di ciascun bene venduto, oltre ad eventuali sconti praticati ed oneri accessori a carico del compratore;

  • La base imponibile;

  • L’aliquota IVA;

  • Il totale della fattura.

Comunque la Fattura del Professionista deve anche attenersi a due principali variabili, variabili che devono essere gestite in modo differente a seconda del tipo di soggetto tenuto all’emissione della fattura.

  • la corretta applicazione dell’IVA in fattura

  • l’applicazione della ritenuta di acconto.

Post con argomento attinente

Leave a Comment

Le ultime info