Nel D.P.R. n. 642/1972 ci sono tutti i parametri che indicano la disciplina e l’istituzione dell’Imposta di Bollo.

Di conseguenza, la disciplina di riferimento sul Bollo Virtuale è contenuta per intero nel suddetto D.P.R. il quale, dal comma 1 dell’art. 15, recita quanto segue:

“Per determinate categorie di atti e documenti, da stabilire con decreto del Ministro delle finanze, l’intendente di finanza (oggi Direzione Provinciale) può, su richiesta degli interessati, consentire che il pagamento dell’imposta anziché in modo ordinario o straordinario avvenga in modo virtuale”.

Attenzione, nel successivo comma 2 però occorre tenere ben preciso quanto:

“Gli atti e documenti, per i quali sia stata rilasciata l’autorizzazione di cui al precedente comma, devono recare la dicitura chiaramente leggibile indicante il modo di pagamento dell’imposta e gli estremi della relativa autorizzazione.

Post con argomento attinente

Leave a Comment

Le ultime info