Che cos’è la Ritenuta d’Acconto?

La ritenuta alla fonte è un metodo di riscossione delle imposte che consiste in un pagamento anticipato di commissioni allo Stato effettuato dal cliente del contribuente. In questo caso il cliente è denominato “sostituto d’imposta” e sostituisce il contribuente nel pagamento dell’IRPEF (Imposta sul Reddito delle PErsone Fisiche, per le persone fisiche) o IRES (Imposta sul REddito delle Società, per le persone giuridiche). In tal modo, il cliente paga ciò che deve al fornitore di servizi. Pertanto, al momento del pagamento delle imposte dovute allo Stato, il contribuente deve sottrarre l’importo già pagato dal cliente.

Alcune caratteristiche importanti

– Affinché il cliente possa essere un “sostituto d’imposta” e affinché l’intero processo di conservazione sia possibile, è necessario che il cliente abbia il codice “Partita IVA”.

– Un punto importante da evidenziare è l’obbligo del contribuente di dichiarare la ritenuta nelle sue fatture.

– Il pagamento da parte del cliente deve essere effettuato utilizzando il modello di pagamento F24, specificando il “Codice Tributo” (spiegato in seguito).

Ritenuta d’Acconto sulla piattaforma

Sulla pagina “Ritenuta d’acconto” l’utente può visualizzare l’importo delle imposte che il cliente ha pagato. Si può cercare una determinata ritenuta all’acconto cliccando su “Ricerca”, e ordinarla per “Nome”.

 

Pagina Ritenuta
Pagina Ritenuta

 

Campi

I dati che la piattaforma utilizza per creare un nuovo elemento di ritenuta sono:

– Tipo ritenuta: Obbligatorio. È un campo di selezione che contiene le seguenti categorie di ritenuta:

Tipi di Ritenuta
Tipi di Ritenuta

– Codice: Detto anche “Codice tributo” è un codice di quattro cifre per meglio identificare la transazione. Normalmente viene utilizzato il codice 1040, che fa riferimento all’IRPEF.
– Nome: Il nome della transazione.
– Descrizione: Facoltativo, un campo per fornire maggiori dettagli sul pagamento.
– Causale ritenuta: un campo di selezione per le opzioni di giustificative della ritenuta. Le opzioni sono:

Causale Ritenuta (1)
Causale Ritenuta (1)
Causale Ritenuta (2)
Causale Ritenuta (2)

 

Causale Ritenuta (3)
Causale Ritenuta (3)

 

– Base Imponibile: Il valore su cui verrà calcolato l’importo dell’imposta. Ad esempio, se la ritenuta concorre al pagamento dell’IRPEF, si riferisce a tutti i redditi del contribuente. È comune che questo campo abbia un valore del 100%.

– Valore: È il percentuale dell’importo stesso, calcolato sul valore risultante da “Base Imponibile”.

Ritenuta d'acconto - Campi
Ritenuta d’acconto – Campi

 


 

Tornare all’indice