Che cos’è l’IVA?

IVA sta per “Imposta sul Valore Aggiunto”, la principale imposta indiretta in Europa applicata durante la produzione e lo scambio di un bene o servizio. Pertanto, viene considerata un’imposta sul consumo. Di conseguenza, l’imposta non incide sulla capacità finanziaria del contribuente (poiché si verifica solo al momento del consumo) ed è per questo che è un’imposta indiretta. Il modello è stato progettato nel 1967 ed è stato adottato l’anno successivo da diversi Paesi del mondo.

In pratica, il fornitore del prodotto o del servizio accredita al cliente l’IVA e il cliente paga quindi l’imposta utilizzando il modulo F24.

Altre caratteristiche importanti

– Si precisa che l’IVA è un’aliquota proporzionale, in quanto dipende dal prodotto tra il valore del bene o servizio e l’aliquota di riferimento (sotto riportata).

– L’imposta è generale, valida per tutti i contribuenti.

Come viene calcolata l’IVA

Viene calcolato in due modi diversi, uno più semplice e l’altro più complesso.

1. Il primo, il più semplice, è calcolato per addizione. In questo caso, il tasso è riscosso sulla somma delle retribuzioni dovute a fattori di produzione.

2. Nel secondo caso, il calcolo viene eseguito per sottrazione e una forma più comune è la cosiddetta base effettiva, in cui l’aliquota viene applicata alla differenza tra il valore dei beni prodotti in un dato periodo di tempo e il valore delle materie prime utilizzate nella produzione

Basi imponibili

Come accennato in precedenza, l’IVA è un’imposta proporzionale perché il suo valore dipende dal prezzo del bene moltiplicato per un’aliquota di riferimento. Questa tassa può esserne di tre valori:

– 4%, detto tasso minimo, viene applicato sui beni a seconda delle necessità basiche;

– 10%, l’aliquota ridotta, per l’IVA su turismo, alimentare e servizi di costruzione;

– 22% – aliquota normale – per l’IVA da applicare in tutti i casi non coperti dalle prime due aliquote.

IVA sulla piattaforma

Sulla pagina “IVA” l’utente può visualizzare l’IVA addebitata in relazione al cliente. È possibile cercare una voce di elenco specifica cliccando su “Ricerca” e ordinare l’elenco per “Nome”.

Pagina IVA

Campi

I dati per registrare un elemento sono:

– Nome: Obbligatorio. Un nome per identificare la tariffa.

– Nome breve: Un’abbreviazione per l’identificazione rapida.

– Natura: Un casella di controllo che permette scegliere il tipo di Tassa. Questo è l’elenco di opzioni:

Tipi del'IVA (1)
Tipi dell’IVA (1)

 

Tipi del'IVA (2)
Tipi dell’IVA (2)

 

Se non viene scelto un valore per questo campo, è possibile compilare tre campi nei campi percentuali “Base Imponibile”, “Aliquota” e “Indetraibile”.

– Base imponibile: la percentuale su cui verrà calcolato il valore dell’aliquota IVA.

– Aliquota: è il valore dell’aliquota IVA stessa. Ad esempio, in Italia questa cifra è di circa il 22%.

– Indetraibile: ci sono alcuni servizi o beni che possono avere il loro valore fiscale ridotto, come previsto dalla legge italiana. Tale imposta viene applicata sul valore risultante di “Aliquota”, che verrà scontato sul valore finale del prodotto. Supponiamo ad esempio che un prodotto abbia un costo di 100 euro e che l’aliquota IVA sia del 20%. Pertanto, il valore dell’imposta è di 20 euro. Il prodotto ha comunque una riducibilità (Indetraibile) prevista per legge del 50%. Pertanto, il valore della commissione scende a 10 euro e il valore finale del prodotto a 110 euro.

– Rifferimento Normativo: è il campo che l’utente utilizza per citare la base giuridica. Appare e diventa obbligatorio solo se l’utente sceglie un’opzione “Natura”.

– Tipo: un campo di selezione con le opzioni “Normale” e “Differita” (in ritardo).

Campi da compilare senza un valore per “Natura”.

Campi (senza "Natura")
Campi (senza “Natura”)

Con valore scelto per “Natura”:

Campi (con valore scelto per "Natura")
Campi (con valore scelto per “Natura”)

È inoltre possibile associare l’IVA ad alcune informazioni aggiuntive, come INTRA, split payment ecc. Le opzioni sono mostrate nell’immagine successiva:

Opzioni aggiuntive
Opzioni aggiuntive

 

 


 

Tornare all’indice